EVENTI

ALES: Emilio Coni martire di Sutri

12 aprile 2014

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

L’Amministrazione Comunale di Ales, L’Associazione casa natale Antonio Gramsci e la biblioteca Gramsciana Onlus in collaborazione con la Regione Autonoma Sardegna, l’Istasac e l’Associazione Fitzcarraldo organizzano il 12 Aprile la giornata Commemorativa su Emilio Coni martire di Sutri.

Programma:

  • H. 9,30   Proiezione documentario " I Martiri di Sutri" di Dino Sanna.
  • H. 10,30 Targa commemorativa presso la casa natale di Emilio Coni.
  • H. 17,30 Convegno commemorativo saluti autorità

Proiezione Documentario "I Martiri di Sutri"
Aldo Borghesi (ISTASAC): "Sbandati, Militari sardi dopo l'8 settembre fra renitenza e la scelta"
Giuseppe Manias: "Emilio Coni martire di Sutri"
Intervento musicale di Maria Borghesi (Pianoforte)

Coordina Alberto Coni

La targa commemorativa è opera dell’artista alerese Massimo Spiga.

 

I MARTIRI DI SUTRI

Il mattino del 17 novembre 1943 da reparti delle SS tedesche furono catturati in territorio di Capranica (in provincia di Viterbo) 18 giovani avieri, sbandati in seguito all'armistizio dell'8 settembre 1943. Nel pomeriggio dello stesso giorno, dopo un rapido interrogatorio, furono portati su un autocarro in località Montefosco del vicino comune di Sutri. Fatti scendere, furono invitati a dirigersi verso un fosso. Mentre si incamminavano nella direzione indicata furono mitragliati alle spalle. I tedeschi non mancarono di sparare anche un colpo alla nuca a ciascuno di essi. Uno di loro riuscì comunque a salvarsi: Fernando Zuddas di Sardara (Cagliari), sebbene ferito, raggiunse una strada provinciale dove fu raccolto da due cittadini di Sutri; fu lui quindi a raccontare i particolari del massacro. Dei 17 caduti le salme finora identificate sono quelle di Piero Contini di Giuseppe da Oristano; Giuseppe Canu, di Serafina Canu di Dorgali; Giuseppe Deroma di Ambrogio da Osidda; Sebastiano Pinna, di Giovanna Pinna da Osidda. Di 10 militari  si conoscono i nomi ma non sono state identificate le salme: Mè Nino di Francesco; Mezzettieri Giovanni di Francesco; Cossiga Salvatorico di Pietro Luigi; Mulas G.  Battista fu G. Maria; Pilo Gavino di Gavino (tutti e cinque di Ploaghe); inoltre Barcellona Pietro di Priamo; Mereu Pasqualino di Antonio da Oristano nonché Piras Efisio di Giuseppe da Iglesias, Emilio Coni  e Salvatore Meloni.

pda

Fotogallery

Parte Montis: Gonnostramatza - Masullas - Mogoro - Pompu - Siris

Parte Montis: Gonnostramatza - Masullas - Mogoro - Pompu - Siris