NEWS E AVVISI

Tutela giuridica del paesaggio culturale rurale tradizionale

09 marzo 2014

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

Il concetto giuridico di "paesaggio" e, quelli più specifici, di "paesaggio culturale" e "paesaggio rurale", non sono di facile interpretazione.Tale difficoltà deriva in primo luogo dalla moltiplicazione delle fonti giuridiche che, nel corso degli anni, hanno introdotto tale nozione.  Obiettivo del presente studio è analizzare l'evoluzione di tale concetto, dapprima strettamente connesso alla dimensione urbana e monumentale di un territorio, e successivamente "ripensato" anche con riferimento alla dimensione rurale (e da ultimo pastorale) del contesto di riferimento. Si evidenzierà, così, come, a partire dal 1992 , la Convenzione dell'UNESCO per il patrimonio mondiale materiale sia divenuta, in particolare, il punto di riferimento giuridico per la valorizzazione dei paesaggi culturali e come, a partire dai primi anni Novanta, in questo medesimo contesto normativo, si sia affermata la necessità di porre in essere delle specifiche misure di salvaguardia e valorizzazione di quella particolare categoria di paesaggi culturali che possiamo definire paesaggi agro-silvo-pastorali.

pda

Fotogallery

Parte Montis: Gonnostramatza - Masullas - Mogoro - Pompu - Siris

Parte Montis: Gonnostramatza - Masullas - Mogoro - Pompu - Siris