Opportunità

Giovani in agricoltura: bando per selezione di nuove Reti di Impresa

07 gennaio 2015

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

C’è tempo fino al prossimo 2 marzo per inviare le domande di ammissione albando finalizzato alla selezione di nuove Reti di Imprese con maggioranza di imprese agricole condotte da giovani agricoltori. Proprio i giovani, infatti, sono i diretti interessati di questa nuova opportunità per coltivare il sogno di diventare imprenditori in agricoltura, sfruttando anche lo strumento del contratto di rete (che consente alle aggregazioni di imprese di instaurare tra loro una collaborazione organizzata e duratura, mantenendo la propria autonomia e la propria individualità): l’aggregazione tra imprese rappresenta dunque l’opportunità di mettere in piedi realtà economiche capaci di imporsi sul mercato.

Il bando in questione è stato pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) e ha lo scopo di promuovere e sostenere i processi di integrazione tra le imprese, specialmente quelle agricole condotte da giovani agricoltori, attraverso lo strumento delle reti di impresa, con l’obiettivo di supportare i processi di riorganizzazione della filiera agricola migliorare la specializzazione e la qualificazione del comparto e accrescere la capacità competitiva e innovativa dell’imprenditorialità agricola nazionale, in particolare sui mercati esteri. Chi si aggiudicherà il bando, tra le reti di impresa selezionate, avrà a disposizione un intero anno di tutoraggio come supporto nella delicata fase distart up. Tutte le imprese partecipanti devono possedere determinati requisiti di ammissibilità, che sono consultabili all’interno dello stesso bando che trovate a questo indirizzo. Allo stesso link è possibile trovare anche i modelli da compilare e allegare  alle domande di partecipazione.

Dopo un attento esame da parte dell’apposita Commissione, la graduatoria finale verrà pubblicata sia sul sito Ismea che sulla Gazzetta Ufficiale. Chiunque volesse avere maggiori delucidazioni al riguardo, può scrivere una mail all’indirizzo gare@ismea.it entro il 23 febbraio 2015: le risposte saranno pubblicate direttamente sul sito istituzionale nella sezione dedicata.